Medicina e dintorni… Parte II

Dove eravamo rimasti? Ah sì, la telefonata kafkiana alla guardia medica.
Il sabato se ne va così, con tachipirina ogni 4 ore anche la notte. Domenica mattina il bimbetto ha ancora febbre ma leggera. Forse il paracetamolo comincia a fare effetto e per tutto il giorno sembra non salire oltre i 37.5. Riccardo è bello vispo e allegro anche se un po’ coccolone (figurati se non ci marcia subito il furfantello!). Rimango in casa con lui mentre Leo e Luca si concedono il pranzo e la serata alla sagra delle pesche a San Sperate dove saremmo dovuti andare tutti insieme…
Ecco che però la serata ci ripresenta la febbre. Sale in fretta e arriva a 39 almeno, non riesco a prendergliela perchè è troppo nervoso e vuole solo afferrarmi i capelli (il suo "vizietto" per la nanna). Sta talmente male che a un certo punto vuole stare solo con Luca e non vuole più la sua mamma!! Sono le 21. Luca insiste per portarlo alla guardia medica. Io sono titubante, rischia di trovare quella sottospecie di idiota. Alla fine va, infagottiamo Riccardo con un lenzuolo e via.
Tornano dopo neanche 20 minuti. Dalla faccia di Luca capisco subito che ha trovato l’idiota. Ha in mano la ricetta con la prescrizione dell’antibiotico. Quando Luca gli ha detto cha aveva la febbre da tre giorni ha osato dire
 "E che cosa stavate aspettando a portarlo??!"
"Beh mia moglie ieri l’ha chiamata e lei le ha detto di aspettare il terzo giorno di febbre per la visita e l’antibiotico"
"Ah… tenga la ricetta"
"…. e il bambino non me lo visita??"
"ah sì… faccia vedere la gola, sì sì arrossata. Arrivederci."

No insomma, capite che c’è da uscire di testa! Ti porto un bambino di 10 mesi alle 21 di sera di domenica con febbre a 39 da tre giorni solo per vedere la tua faccia di gesso e farmi scrivere una ricetta??!
Vabbeh, decidiamo di andare l’indomani mattina a comprare l’antibiotico, continuiamo con tachipirina.
Lunedì mattina la febbre sembra un po’ calata, il bimbo più allegro e mentre lo cambio noto uno sfogo fitto nella schiena/nuca… Io sono sicura quasi al 100% che sia Sesta Malattia. Tre giorni di febbre e al quarto sfogo. Anche Leo la ebbe ma senza la complicazione della tosse quindi fu più facile diagnosticarla.
Ci prepariamo e vado in farmacia per prendere l’antibiotico. Passo però per l’ambulatorio e mi segno il numero della nuova pediatra sostitutiva. Torno a casa e mi rendo conto che l’idiota non ci ha indicato per quanti giorni portare avanti la cura antibiotica… ma mi devo anche meravigliare? Leggo il bugiardino, per i nove chili del bimbo sono 2.5 ml nelle 24 ore…. ma in quante dosi non riesco a capirlo.
Chiamo la dottoressa. Non risponde… mmmmm mi devo incacchiare di nuovo?? Dopo qualche minuto squilla il mio telefono, è lei, mi ha richiamato pensando fosse la mamma di qualche paziente, guadagna con questo gesto molti molti punti di merito! Sentito tutta la mia spiegazione mi chiede se il bimbo è stato visitato dalla guardia medica, rispondo che gli ha controllato solo la gola… "Ah.." la risposta. Mi spiega la somministrazione in unica dose ogni 24 ore e ci diamo appuntamento per il pomeriggio in studio per visitarlo.
Alle 17.30 sono in ambulatorio con il bimbo che comincia ad avere puntini rossi anche sul torace e nella zona pannolino. Finalmente entriamo. E’ una dottoressa molto più dottoressa della precedente. Gentile, attenta, pignola. Sì lei la possiamo anche salvare… uno su tre però non è che sia una buona media. Dalla visita viene fuori solito catarrino superficiale e gola arrossata. Arriviamo allo sfogo, non ho voglia di essere nuovamente trattata da visionaria, la prendo alla larga
"Dottoressa questo sfogo mi sembra un po’ strano, non mi sembra sudorina"
"Mmm… ma sì sembra sudorina, vede, c’è proprio il segno del body sulle spalle"
In effetti ha ragione. La chiudo qui ma in fondo in fondo SPERO che l’indomani mattina lo sfogo sia più diffuso e marcato. Detto e fatto, ieri mattina lo sfogo è passato anche al visino e sul torace è più evidente, nel pomeriggio peggiora molto e davvero non ci possone essere più dubbi sul fatto che si tratti di uno sfogo da malattia virale.
Esco da lavoro e vado subito in ambulatorio per prendere il numero, aspetto che rientri Luca con entrambi i bimbi e intanto anticipo alla dottoressa che lo sfogo è completamente diffuso in tutta la parte alta del corpo e sul viso. "Ma la sesta malattia non l’ha ancora avuta?" (ecco finalmente!!) "No, e infatti anche io ho pensato subito che fosse proprio la sesta malattia"
Arrivano i bimbi e appena entriamo la dottoressa non ha dubbi. Risolto l’arcano ecco che possiamo anche sospendere l’antibiotico e chiudere questa avventura nel fantastico mondo della Sanità Italiana.

Oggi Riccardo ha ancora tanto sfogo, anche nelle cosciette. La notte è stata parecchio agitata. Speriamo che presto passi tutto.

Annunci

8 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Lug 23, 2008 @ 11:10:00

    Poverino il mio omonimo ad affrontare le peripezie della sanità italiana…! Coraggio, per fortuna i genitori sono attenti e pazienti e possono rimediare alle inefficienze dal sistema. Tanti tanti auguri al bimbo e complimenti a is babbus!
    Ciaoo
    Riccardo

    Mi piace

    Rispondi

  2. pollon74
    Lug 23, 2008 @ 11:18:00

    Tutto è bene quel che finisce bene… certo però che in fatto di sanità siamo in buone mani :-/

    Mi piace

    Rispondi

  3. michy1976
    Lug 24, 2008 @ 17:57:00

    mamma mia eli, assurdo! la cosa buona è che essendo tu una mamma al secondo figlio e non ansiosa, alla fine te la sei cavata benissimo da sola…pensa a quelle mamme inesperte e che si preoccupano facilmente…che ansia fan loro venire sti medici inetti???
    per fortuna la situazione sta migliorando dai…

    Mi piace

    Rispondi

  4. ioelafavolamia
    Lug 24, 2008 @ 19:26:00

    Praticamente un’odissea! Povero piccolo, ma guarda te, almeno con i bambini dovrebbero essere più scrupolosi stì medici no? mah!

    Mi piace

    Rispondi

  5. giulymommy
    Lug 25, 2008 @ 08:48:00

    Tatino.. Ma come sta oggi? Lo sfogo si è dirotto?

    Mi piace

    Rispondi

  6. freestyle
    Lug 25, 2008 @ 11:16:00

    Io concordo con Michy. forse perchè sono al primo figlio e pure abbastanza ansiosa o_O
    Come sta oggi il piccolo?

    Mi piace

    Rispondi

  7. pascaliza
    Lug 25, 2008 @ 11:19:00

    grazie a tutte, lo sfogo già ieri era debolissimo oggi il bimbetto è perfetto. Lo sfogo in 24/48 ore sparisce e non lascia segni.

    Mi piace

    Rispondi

  8. copperhead
    Lug 25, 2008 @ 12:41:00

    tutto bene quel che finisce bene… più o meno, perché certe inca##ature lasciano un segno che non scompare altrettanto in fretta

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: