Tempo di bilanci

Fine anno, appunto, tempo di bilanci. Bilanci in tutti i fronti, personale, lavorativo, economico. Sono a casa malata da una settimana praticamente e di tempo per pensare ne ho avuto anche troppo…
Però i primi colloqui di Leonardo meritano una citazione. Mi dispiace troppo non esserci stata, il racconto di Luca, gonfio di orgoglio paterno è stato dettagliatissimo ma sentire le parole della maestra con le mie orecchie sarebbe stato davvero indimenticabile.
Riporto qui quello che Luca mi ha ripetuto due o tre volte, all’apice dell’entusiasmo 🙂

  • In generale è un bambino molto curioso, curiosissimo, la maestra dice di averne avuti bambini curiosi, ma probabilmente come Leonardo no, ha davvero difficoltà a ricordarne uno così tanto curioso. E’ un’ottima dote, ammette che la curiosità non è mai troppa e che spinge a imparare, chiedere, migliorarsi. Certo a volte questa curiosità spinge Leo un po’ oltre, soprattutto con le mani, non riesce a trattenersi dal toccare le cose che lo attraggono, ed è tanto veloce che non fai in tempo a riprenderlo che ha già fatto e disfatto tutto… La maestra ammette che anche quando lo devono riprendere fanno molta fatica a trattenersi e a non sorridere davanti alle facce che fa! Un ottimo deterrente è la frase "Leo, guarda che lo dico a tuo padre!", cosa che ha fatto proprio gonfiare il petto del papà oltre misura!
  • La maestra ha mostrato a Luca i disegni fatti da Leo. Ha voluto soffermarsi sui dettagli visto che Leo dimostra di prestarci molta attenzione, i puntini dentro gli occhi, il naso e la bocca nelle figure umane, le diverse dimensioni delle finestre negli ambienti, cose che per un bimbo della sua età denotano un profondo senso di osservazione, decisamente fuori dalla media. Luca mi ha detto di aver visto un disegno della nostra casa, del nostro soggiorno con il camino, ne parliamo talmente tanto che alla fine almeno nei disegni ha voluto mettercelo! 😀
  • La classe di Leo è mista, nel senso che ci sono bimbi al primo anno e bimbi all’ultimo anno. In alcuni momenti la maestra si dedica ai più grandi per insegnargli i rudimenti dell’alfabeto; in questi momenti i bimbi più piccoli giocano da un’altra parte. La prima volta che la maestra ha fatto questi tipo di lezione Leonardo si è piazzato in un banchetto davanti a tutti e ha seguito attentamente tutta la lezione, ha rifatto le letterine e ha dimostrato molto interessse. La maestra è rimasta davvero sorpresa da questo atteggiamento e da allora lo ha lasciato seguire le lezioni prescolari.
  • L’istruttore di Attività Motoria è altrettanto esterrefatto dalla motricità di Leonardo. Le sue capacità motorie sono ben oltre la media, vanno proprio oltre quelle previste per i bimbi di questa età e anche per i bimbi ben più grandi. Su questo non avevamo dubbi, Luca ha portato avanti i suoi insegnamenti partendo dalla culla! Quello che ci ha fatto troppo ridere è che Leonardo esegue alla perfezione tutte le richieste dell’istruttore, anche quelle più assurde che lui propone unicamente per fare ridere i bimbi, del tipo "Fate una capriola con le mani nelle orecchie" ed ecco che Leo si mette e la fa!
  • L’interazione con gli altri bimbi è ottima, da subito Leo si è integrato benissimo e lo ha portato a diventare l’amico di tutti. E’ molto socevole e riesce ad adattarsi facilmente a tutti i diversi caratteri dei bimbi. Anche con il bimbo più grande, con il leader del gruppo, ha creato da subito un ottimo legame. In generale si nota che è un bambino molto seguito, stimolato e soprattutto educato e che riconosce le figure di riferimento e le loro autorità. A pranzo è sempre molto composto e mangia tutto con molto gusto (strano!). A volte è difficile anche per le maestre contenere la sua vivacità e la sua energià, ma non si può pretendere troppo.

Questo è quanto. Quello che la maestra ha voluto ribadire è che andando avanti così, continuando a stimolare la sua fantasia e la sua curiostià, ci sono ottime possibilità che Leo possa darci grandi soddisfazioni. Come se non ce ne stesse dando già da quando è nato 🙂

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. deb75
    Dic 05, 2008 @ 09:38:00

    C’è di che essere orgogliosi 🙂

    E voi siete due genitori fantastici 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  2. ba1976
    Dic 05, 2008 @ 09:43:00

    oh mamma che emozione leggere questo racconto! e secondo me è stato impagabile anche farselo dire da Luca, che sicuramente sprizzava orgoglio da tutti i pori! Vi darà grande soddisfazioni? ma va…che sto bimbotto vi da soddisfazioni dal suo primo TUMTUMTUMTUMTUMTUMTUMTUM durante un’ecografia che aveva…boh???? 8 settimane? 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  3. michy1976
    Dic 06, 2008 @ 13:09:00

    mamma mia, eli, ma che cose meravigliose vi hanno raccontato…e soprattutto che personcina meravigliosa sta diventando leonardo..
    beh puoi davvero essere orgogliosa, perchè un buon 50% se non di più di quello che sono i nostri figli, credo sia anche merito nostro!!!

    Mi piace

    Rispondi

  4. falconemaltese
    Dic 09, 2008 @ 08:24:00

    Il mio bilancio economico basterebbe per annerire tutti gli altri…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: